Pitonereale.it, allevamento pitoni reali morph, Elaphe, Lampropeltis e altri serpenti


Vai ai contenuti

Scheda Pitone reale - Alimentazione

Schede > Python regius


I pitoni reali, come la maggior parte dei serpenti, sono predatori carnivori e si nutrono dunque con i classici topi o ratti interi, le prede per loro più nutrienti e bilanciate. Nutrire i propri ofidi con parti di pollo o di altri animali non è consigliabile in quanto privi di viscere, pelo e ossa necessarie all’assorbimento delle sostanze nutritive necessarie ai nostri amici striscianti.


Gli esemplari appena nati inizieranno a mangiare dopo la prima muta: ai pitoni reali baby andrà offerto un pasto ogni 4-5 giorni.
Si passerà a una settimana per i subadulti, arrivando ad un pasto ogni dieci o quattordici giorni per gli esemplari adulti.
Un pasto, che può essere costituito da una o più prede (meglio una delle giuste dimensioni), dovrà corrispondere
all’incirca al 20% del peso dell’ofide. Ovviamente tutte queste linee guida lasciano margini di discrezionalità più o meno ampi, ad esempio l’intervallo tra un pasto e l’altro sarà più lungo se la preda offerta è più grande del dovuto, e con l’esperienza sarà possibile regolarsi ad occhio sulle dimensioni e il peso di quest’ultima.

E' bene non sovralimentare un animale domestico: un serpente obeso andrà incontro a numerosi problemi di salute, tra cui la sterilità.
Questa pratica prende il nome di powerfeeding e consiste nell'alimentare incessantemente il proprio animale, anche in piena digestione, permettendogli di raggiungere dimensioni e peso da record ed in tempi molto brevi.

E' da precisare, tuttavia, che difficilmente i pitoni reali ci permetteranno di alimentarli più del dovuto. Al contrario di animali "fogna" come boa o moluri, che normalmente accetterebbero un pasto ogni volta venga loro offerto, se mangeranno troppo decideranno semplicemente di prendersi una pausa fino a che non avranno di nuovo fame.
Inoltre le loro dimensioni sono tali da rendere impossibile un'ulteriore "spinta" rispetto a quelli che sono i loro limiti in lunghezza o peso.

Dopo il pasto è consigliabile lasciare in pace l’ofide per due o tre giorni, in quanto la manipolazione può farlo sentire minacciato e quindi potrebbe decidere di rigurgitare la preda considerandola una sorta di zavorra. C'è da dire tuttavia che è un'eventualità molto rara e, a meno che l'animale non abbia appena finito di mangiare, una manipolazione delicata non porrà alcun rischio di questo tipo. Si sconsiglia in ogni caso di dar fastidio ai serpenti al di là delle operazioni di pulizia, sia dopo un pasto che non.



Python regius Lesser Platinum che costringe un ratto decongelato (la verdura di contorno è solo un disegno).Usate delle pinze per fingere che il ratto sia vivo e per evitare che il pitone,
confondendosi o sbagliando mira, morda voi invece che la preda



I reali, nell'ambito della terrariofilia, sono diventati tristemente famosi per i loro
digiuni che, nei periodi più disparati dell'anno, fanno apparentemente senza alcun motivo.
Spesso si tende a minimizzare il problema, dicendo che per loro è normale o consigliando di non preoccuparsi troppo se il nostro pitone ha un appetito altalenante per svariati mesi.
A mio modo di vedere, invece, in buona parte dei casi ciò deriva dal fatto che questi animali sono molto sensibili ai parametri, la dieta e l'ambiente a cui li sottoponiamo.
Molti diguni liquidati come fisiologici sono infatti conseguenza di errori di stabulazione, quali temperature basse, umidità troppo alta o troppo bassa, difficoltà nel ricreare un ottimale gradiente termico all'interno della teca, pasti troppo ravvicinati, letarghi invernali forzati (!!!) conseguenza di vere e proprie brumazioni anche quando non si devono riprodurre, stress derivante da un terrario troppo grande o maneggiamento eccessivo o ancora dal troppo caos attorno a quello che è uno dei serpenti più riservati e timidi in assoluto.
Tutti errori che molti neofiti, me compreso, fanno od hanno fatto. Essendo il pitone reale un serpente comprato da - o consigliato a - questi ultimi, ecco spiegata la sua reputazione di
problem feeder.
Ponendo rimedio a tutti questi errori i digiuni iniziano a scomparire, anche se devo ammettere di aver notato con quasi tutti i miei
Python regius che, nonostante un'ottima stabulazione, tendono a digiunare durante i mesi più freddi dell'anno.

Ovviamente resta quella percentuale di reali che avrà problemi coi pasti sempre e comunque, o presenteranno, quando diventeranno riproduttivi (soprattutto i maschi), inappetenza.
Ma questo accade a tutte le specie di ofidi!

Se il pitone non è denutrito non ci si deve preoccupare, basterà continuare ad offrirgli la preda ad intervalli un po’ più ampi e prima o poi, quando lo vorrà, riprenderà a mangiare normalmente.

Ricordate inoltre che i serpenti, specialmente i pitoni, hanno un metabolismo molto più lento dei mammiferi, riuscendo quindi a sopportare digiuni lunghi svariati mesi senza conseguenze. Non lasciatevi quindi prendere dal panico se il vostro pitone rifiuta il cibo e perde qualche grammo, lasciate fare a lui.

Solitamente, anche dopo svariati mesi di digiuno, i reali perdono circa il 10-15% del loro peso "a secco" (faccio presente che feci e urati espulsi sono da escludere dal conteggio, prima che qualcuno si allarmasse di troppi grammi persi improvvisamente nel giro di una settimana).
Nella rara eventualità in cui il serpente dovesse presentare segni
evidenti di deperimento o disidratazione è consigliabile portarlo dal veterinario, il quale ci aiuterà a capire quali problemi lo affliggono (molto comune, durante un digiuno in cui l'animale deperisce, è la presenza di parassiti interni).

Per quanto riguarda la
defecazione, solitamente i reali la effettuano dopo un paio di pasti. Se non dovesse succedere ma non dovessero esserci segni evidenti di costipazione, quali gonfiori prima della cloaca, fecalomi (feci indurite) o tendenza a rimanere distesi piuttosto che acciambellati, non ci si deve preoccupare e si può continuare a nutrirlo.
Se l'animale non vuole defecare nemmeno dopo 4-5 pasti sarà bene sospendere l'alimentazione e stimolarlo con un leggero massaggio addominale o un bagnetto.


Apro adesso una piccola parentesi sull’argomento alimentazione e l’eterna bagarre tra sostenitori del
vivo e del morto.
Sicuramente è questo il fattore che più ci scoraggia quando pensiamo di comprare un ofide.
I serpenti, essendo animali carnivori, devono essere nutriti con le prede a loro più congeniali, ovvero piccoli mammiferi come topi e ratti (conigli o quaglie per le specie più grandi). In casi particolari possono essere offerte altre prede come pulcini o altre specie di roditori, che devono essere comunque intere.
Non è facile pensare a questi simpatici animaletti come animali da pasto che vanno incontro ad una lenta quanto inesorabile morte.

I pitoni reali, contrariamente a quanto si dice in giro, possono essere facilmente abituati a mangiare prede morte o decongelate. La possibilità di successo è anzi molto alta se si prova sin dalla loro nascita.
Esiste comunque quella piccolissima percentuale di serpenti che proprio di cibo morto non vuole sapere. In questo caso bisogna scegliere tra la propria passione o le proprie remore a mettere un innocente topolino nella teca e aspettare che la natura faccia il suo corso. Se non siete sicuri di riuscire a fornire al serpente il cibo di cui ha bisogno, o di non riuscire a reperirlo, non prendetene uno!
Il mio consiglio è comunque quello di comprare un serpente già abituato al cibo morto da un rivenditore serio.

Se il vostro pitone accetta il cibo morto è inutile e controproducente dargli il vivo. Non si dà il morto solo perché i roditori non soffrano, che è una cosa riguardo alla quale tutti noi possiamo avere una diversa sensibilità (personalmente ritengo comunque che sia crudele far soffrire un essere vivente inutilmente), ma anche perché, se un topolino difficilmente può provocare danni seri al serpente, un ratto può riuscire benissimo a cavargli un occhio o sfregiarlo.

Vorrei non dover affrontare il tema "il vivo è più naturale, il serpente deve cacciare, deve mantenere l'istinto" per manifesta inconsistenza dell'argomento, ma comunque...posto che parlare di natura in una teca in salotto in cui la selezione naturale non metterà mai piede non ha senso, il pitone non "deve" cacciare, ma mangiare.
Se riesce a farlo benissimo (e di gusto) con prede morte perché esporlo al rischio di essere ferito?Quella dell'istinto da conservare, infine, è un'emerita sciocchezza. L'istinto, per definizione, non si apprende né si perde, né tantomeno si affina con la pratica. E' invece un comportamento innato: a testimonianza di ciò ci sono tutti i reali che mangiano cibo morto costringendolo tra le spire prima di ingoiarlo, pensando sia vivo.

Se proprio dovete dare il vivo perché il serpente non accetta il morto (qui non resta altro che arrendersi), assicuratevi di tenere dentro il topo per non più di 5 -10 minuti. Se il serpente non è interessato alla preda rimuovetela: potrebbe iniziare a rosicchiare fili, oggetti o persino il vostro animale. In ogni caso non lasciatela mai senza monitorare, per quanto un ratto possa mordere sempre e comunque, persino mentre viene costretto.



Ferite mortali provocate da un ratto vivo lasciato per una notte assieme a quello
che doveva essere il suo predatore. La foto rappresenta un caso estremo, ma
un ratto vivo può fare dei seri danni anche con un morso solo.


Se volete dare il morto, potete scegliere tra
prekilled e decongelato.

Il prekilled, come dice la parola stessa, consiste in un topo ucciso appena prima di essere dato in pasto. I metodi più indolori sono la dislocazione cervicale (a tal proposito c'è un video su youtube che rappresenta un'ottima dimostrazione di come questa tecnica, se eseguita nel modo giusto, sia completamente indolore: basta cercare "
prekill rat" per trovarlo) o ancora usare la CO2, che farà addormentare dolcemente la preda prima di sopprimerla (anche qui ci sono diverse spiegazioni in rete o sul tubo).

Il decongelato consiste, come suggerisce il nome, in un roditore tirato fuori dal freezer e lasciato a scongelare in acqua calda oppure a temperatura ambiente. Ricordate di riscaldarne bene il muso visto che i reali si servono delle fossette termorecettrici per individuare la preda.
Esistono, in Italia, diverse aziende e privati che vendono e spediscono cibo congelato per serpenti.
Queste prede vengono per legge soppresse tramite CO2, e non congelati vivi (come qualche sostenitore del cibo vivo sostiene arrampicandosi sugli specchi).

Con il prekilled, il topo rimane caldo e non perde nessuna sostanza nutritiva. Il decongelato è invece utile per chi vuole fare una bella scorta. Ricordo inoltre che il prekilled può avere parassiti interni o acari, neutralizzati dal congelamento.
Gli inconvenienti di quest’ultimo, invece, sono altri: per cominciare, si è costretti a buttare il topo se il pitone proprio non lo accetta (eventualità tutt’altro che rara), inoltre dobbiamo essere sicuri che tra la morte e il congelamento non sia passato troppo tempo (questo può essere evitato comprando ratti congelati da rivenditori seri).
Infine è bene tenere presente che un roditore può rimanere in congelatore per 6 mesi senza che vi sia alcuna perdita di sostanze nutritive. Oltre questo periodo queste ultime cominciano inesorabilmente a deteriorarsi.

Tirando le somme, se siete sicuri della salute e della pulizia dei roditori e non avete problemi a sopprimerli, usate il prekilled. Se dovete fare una scorta per un paio di mesi e siete sicuri della provenienza delle prede, usate il decongelato.



Busta di ratti adulti congelati.


Per quanto riguarda l'
integrazione di vitamine o calcio si può tranqullamente dire che essa è assolutamente inutile (posto ovviamente che l'animale sia in salute), in quanto i serpenti prendono tutto ciò che serve direttamente dalle prede, a differenza dei sauri insettivori o erbivori.
Alcuni dicono sia necessario integrare qualche pasto se si usa il decongelato, ma questo sarebbe utile solo in caso di prolungata somministrazione di prede rimaste in congelatore per molti, molti mesi.
Personalmente ritengo che non si possa "prescrivere" un'eventuale integrazione supponendo la quantità di vitamine perse dalle prede decongelate e quindi in modo totalmente arbitrario. Basta non tenerle in freezer per più di sei mesi e l'ipotetico problema sparisce. E' meglio, come in ogni ambito, non improvvisarsi veterinari dati i rischi che comporta una somministrazione eccessiva di vitamine.



Homepage | Schede | Collezione | Accoppiamenti | Disponibilità | Chi sono | Contatti | Link | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu